Il Dott. Mastrodicasa

Dottore Giuseppe Mastrodicasa

La duttilità e la semplicità di questa tecnica di analisi mi ha permesso di trattare dal 1991 ad oggi oltre 10.000 pazienti, di cui 6.000 per conto della ASL RMF in qualità di Responsabile dell’ U.O. di Analisi Psicologica Bioenergetica, con percentuali di successo che sfiorano il 100%, e percentuali di risoluzione del sintomo che superano il 90%, punto di riferimento per pazienti che provengono da ogni regione italiana, ed anche da altri paesi europei e non europei.

Dott. Giuseppe Mastrodicasa

 

 



ABILITAZIONE ED ISCRIZIONI ALBI PROFESSIONALI

Roma, Prima sessione del 1978:

abilitazione all’esercizio della Professione di Medico Chirurgo presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma.

Roma, 19.06.1978:
iscrizione all’Albo Professionale dei Medici Chirurghi dell’Ordine Provinciale di Roma con il numero 25865.

Dal 09.05.1991:
inserito come Medico Psicoterapeutico (L.56/89).

Berna, 28.05.2015:
conferma riconoscimento della Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Ufficio Federale di Sanità della Confederazione Svizzera.



ESPERIENZE LAVORATIVE

Dallo 01.02.2015:
in Pensione dal lavoro dipendente nel pubblico impiego per raggiunti limiti contributivi (42 anni e sette mesi) dirigo il mio studio di Fisioanalisi in Roma.
Dal 2003 al 31.01.2015:
Dirigente Medico Responsabile dell’ U.O. di Metodologia Applicativa dell’Analisi Fisica Muscoloscheletrica per il recupero della Postura, secondo la Psicologia Clinica Bioenergetica della ASL RMF Regione Lazio:
“… con l’obbiettivo di valutare l’importanza del rilasciamento muscolare permanente, e quindi, del recupero semplice ed elastico della stazione eretta, nella genesi della patologia muscoloscheletrica, dell’ansia e del movimento dei fluidi corporei che rappresentano l’origine della maggior parte della patologia degenerativa che affligge l’umanità.”

Dal 1999 al 2003:
Dirigente Medico incaricato del servizio di Psicologia Clinica Bioenergetica:
“… con l’obbiettivo di valutare, nell’ottica della conoscenza scientifica contemporanea, quanto di scientifico ci fosse negli studi e nella tecnica Psicoanalitica di Wilhelm Reich ed Alexander Lowen.”

Dal 1994 al 1999:
Dirigente Medico in Chirurgia d’Urgenza dell’A.S.L. RMF di Civitavecchia presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo.

Dal 1981 al 1994:
Assistente e poi Aiuto Medico Chirurgo, area Funzionale Chirurgia, addetto al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo, presso USL RM21 Civitavecchia.

Dal 1979 al 1981:
Medico Chirurgo, Assistente di Chirurgia d’Urgenza presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Soriano nel Cimino (Viterbo).

Dal 1978 al 1992:
convenzione per la Medicina Generale con gli Enti Mutualistici Italiani e poi con il SSN Regione Lazio.



RICERCA SCIENTIFICA

Dal 1985 conduco studi sulla costituzione organica della psiche.

La Fisioanalisi è la ricerca dell’origine Fisica della patologia medica.

Si basa su una scoperta scientifica originale:
STIMOLANDO GRAVITAZIONALMENTE CON IL PESO DEL CORPO IL RIFLESSO PLANTARE SI OTTIENE LA DISTENZIONE PERMANENTE DELLA MUSCOLATURA ANTIGRAVITAZIONALE, E QUINDI LA RIDUZIONE DEFINITIVA DEGLI ATTRITI CHE LIMITANO IL MOVIMENTO E USURANO GLI ORGANI.

Nella pratica:
risolvendo analiticamente, secondo la Fisioanalisi, le condizioni che impediscono al paziente di far cadere spontaneamente il peso del corpo sulla parte anteriore del piede avremo il pieno utilizzo sia dell’azione di leva del piede stesso, che del riflesso plantare, posto proprio nella parte più distale di detta leva, e quindi saranno necessarie molte meno energie, sia muscolari che neurologiche, per ottenere la stazione eretta.

La muscolatura antigravitazionale, meno contratta per vincere la forza di gravità, schiaccerà meno lo scheletro, soprattutto la colonna vertebrale, che così si potrà distendere nello spazio risolvendo cifosi dorsale, lordosi lombari. e verticalizzazione cervicali, riducendo gli attriti che, appunto, limitano il movimento e consumano i muscoli, i tendini e le articolazioni.

Nel 1997 ho pubblicato il libro La Fisioanalisi, edito da Marrapese, uno dei primi editori italiani di testi universitari di medicina.

L’elaborazione di questa terapia è iniziata dallo studio delle patologie che più frequentemente portano i pazienti a rivolgersi al Pronto Soccorso. Infatti, a differenza dei cinque sensi che permettono all’uomo di conoscere il mondo esterno, le percezioni sensitive propriocettiva, statocettiva ed enterocettiva sono deputate a raccogliere i messaggi che provengono dal corpo. Questa è una comunicazione quasi completamente inconscia, la cui elaborazione può essere considerata l’Es della psicoanalisi che un medico deve essere in grado di valutare in modo diverso.

Deve cioè saperne esprimere una valutazione organica secondo il modello della medicina tradizionale. La corretta interpretazione della sintomatologia riferita dal paziente al P.S. e l’esame obiettivo della condizione di tutta la sua muscolatura possono permettere una diversa valutazione delle condizioni di chi si rivolge a questo servizio.

Dal 1993 ho applicato questo studio allo Sport, nei primi anni con particolare riguardo al ciclismo professionistico, perché questi atleti sopportano il massimo livello dello stress, sia fisico che mentale, per la durata e la frequenza delle competizioni. Il migliorato rendimento sportivo e la netta riduzione degli infortuni nello sport professionistico, autorizzavano a ritenere che la tecnica fosse utile a qualunque soggetto, anche a chi non subisce lo stesso stress degli atleti.

Dal 1997 al 2003 in occasione della Vuelta de Espana inizia una collaborazione con una squadra di ciclismo professionistico, direttore sportivo Giuseppe Petito.
Questa squadra, all’epoca piccola squadra di provincia, cresce negli anni immediatamente successivi, con corridori che raggiungono i vertici di questa disciplina sportiva. Comunque tutti gli atleti, anche quelli con minori doti, contribuirono proporzionalmente in maniera significativa alla crescita della squadra, che raggiunse l’élite del ciclismo europeo.

Dal 2008 a tutt’oggi collaboro con le migliori squadre del campionato italiano di calcio in serie A e in serie B, oltre a seguire sportivi professionisti di tennis, nuoto, golf, motociclismo ed altri sport minori.

Dal 2003 a tutt’oggi dirigo personalmente il mio studio di Fisioanalisi in Roma, fino al 2015 in regime di intramoenia con il SSN Italiano, e poi, dal pensionamento, in privato.



RISULTATI OTTENUTI

Con la FA siamo in condizione di ottenere facilmente, e praticamente senza spese, il recupero permanente di una postura bipede eretta sicura ed elastica. Possiamo favorire l’evoluzione della vita.

Cioè il recupero di una salute stabile nel tempo, che dà al Paziente la sicurezza del proprio modo di essere.

Sono ormai migliaia i pazienti curati con questa terapia e tutti, e per tutti si intende una percentuale che supera il 90%, ne hanno tratto giovamento.

 

E’ cambiato il loro destino, in termini di benessere, fisico e psicologico, cosa che determina il loro successo nella vita.

I pazienti recuperano definitivamente la posizione del corpo nello spazio per loro più vantaggiosa in ogni azione che compiono.

La muscolatura antigravitazionale che, eccessivamente contratta, schiaccia lo scheletro, ed in particolare la colonna vertebrale nelle sue tre curvature fisiologiche, si ridistende aumentando le sue dimensioni permettendo allo scheletro di distendersi a sua volta.

Reich la chiamava “ la Corazza Muscolare “.

Una gabbia di muscoli troppo corta per lo scheletro che deve contenere, e quindi lo schiaccia.

Chiaramente tutto l’apparato muscolo-scheletrico trae notevole giovamento dalla distensione di questa muscolatura, ed i vari e frequentissimi dolori lombari, cervicali, scapolari ecc., e loro complicazioni, si risolvono perché si riesce a correggere permanentemente la lordosi lombare, la cifosi dorsale, la verticalizzazione del rachide cervicale, che sono, poi, i deficit posturali più frequenti.

Molti pazienti che non erano mai riusciti a sconfiggere i dolori cronici che li affliggevano con le altre terapie, anche operatorie come nel caso delle ernie discali, sono sostanzialmente guariti.

Possiamo curare con successo e in maniera definitiva tutta la patologia dei muscoli e dello scheletro riferibile ai deficit posturali originati dalle posture antalgiche.

La stessa cosa si può dire per una moltitudine di disturbi d’ansia, poiché la sicurezza della posizione bipede che il paziente recupera, agisce in maniera fondamentale sulla sua sicurezza generale, e quindi sul carattere.



CERTIFICATO DI REGISTRAZIONE

Dal 11 aprile 2000 la “Fisioanalisi” è stato registrato come Marchio d’Impresa presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, facente parte del Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato.

Dal 06 Luglio 2011 la “Fisoanalisi” è stato registrato come Marchio Comunitario dall’UAMI – Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno.



ESPERIENZE D’INSEGNAMENTO

  • 1999 e 2000
    Scuola Medica Ospedaliera di Roma e della Regione Lazio
    Corso di insegnamento della Fisioanalisi
  • 2004
    Accademia Superiore di Medicina Osteopatica di Tivoli
    Corso di insegnamento della Fisioanalisi